Ndonij’ Ddam’socc’ – aneddoti di Felice Marcantonio

Scritto da Redazione il 31 gennaio 2012. Inserito in Costume e Società

Antonio, per le ristrettezze economiche della famiglia, nel periodo appena dopo la seconda guerra mondiale, era costretto a dormire col fratello Rocco nello stesso letto dei genitori, piedi contro piedi; a pit’ e pit’, si diceva ed ancora si dice a Pretoro, parlando del passato. …(continua)Una notte, per il movimento sussultorio del letto, causato dall’impeto amatorio dei genitori, Rocco cadde sul freddo pavimento di mattoni della camera. Antonio, più grande di lui di qualche anno, lo aiutò a riconquistare la posizione. Non c’era verso di poter dormire, quella notte! Dopo un certo tempo i genitori ripresero l’interrotto rapporto. E fu allora che Antonio suggerì all’orecchio del fratello: attacc’t’ a mmè…s’nnò chést’  n’atra vot’ (aggrappati a me,sennò cadi un’altra volta).

Felice Marcantonio

Trackback from your site.

87 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.