IL VERO GUARDIESE E’ QUELLO CHE…

Scritto da Fabio Di Cocco il 11 febbraio 2012. Inserito in Costume e Società, News

il vero guardiese jàve a lu mare a lu mòle di Urtùne e facè li tùffe da la piramide. Il vero guardiese va' a lu mare a Pummadòre. Il vero guardiese ha avuto almeno una volta nella sua vita la sdraio con i fili fucsia come quella nella foto.

a grande richiesta ripubblichiamo l’articolo in data odierna aggiungendo i vostri “commenti”. Inviatecene altri.

(grazie Fabio!)

Dal 2008 ho raccolto, su una pagina di facebook, tutte le definizioni che i nostri concittadini hanno dato del “VERO” guardiese, quello con la “U” maiuscola. Sono tante e tutte molto divertenti. Sarà mia premura aggiungerne mensilmente alcune qui ed altre sulle pagine del nostro giornale. Chi volesse dire la sua, può iscriversi al gruppo “Il vero guardiese è quello che” su facebook, lasciare un commento e, magari, aggiungere qualche vecchia foto tirata fuori dal baule della nonna.

IL VERO GUARDIESE E’ QUELLO CHE:  ….(continua)

- la passatella a Tito, a Bocca di Valle, una volta nella vita si deve fare

- se mancono le sise delle monache la domenica a pranzo, non è domenica

- la cascata San Giovanni è meglio di quelle del Niagara

- ha da qualche parte l’adesivo di Jonathan e «s’ha fatte fa le carte da la signora Giovina a RGA»

- sa che cosa significa «giusammènghe»

- va a mangiare dalla nonna a Natale, si alza da tavola alle 5 e la sera si sente dire… «l’ hajja còce nu cunije?!?»

- non conosce il corrispettivo italiano de «lu vaccìle»

- Il vero guardiese (degli anni 70) è quello che ha gridato almeno una volta, giocando a flipper a Bar Italia:«100 TEODÒ…..».

-  usa il verbo due volte intervallato da “pè” …per rafforzare il concetto!
esempi:
sta a ppiov pè piove!
cullù magne pè magnà!
strill pè strillà!

- Il vero guardiese è quello che non scoprirà mai chi ha mèsse fòche a l’acque de la ville.

- Il vero guardiese è quello che conosce a memoria le storielle su Giuvànne di Nìsce e si ricorda la mitica partita a scopa tra Mutann e Pandalòne contro Giacchett e Scarpa Vecchije.

Mi auguro di aver regalato ai lettori un momento di simpatia. A presto con altre simpatiche definizioni.

• ..e Nana’ e lu quatrar brbun?

• E chi non si ricorda del grande Usa ad aprire le strade alle varie bande con la sura radio sulle spalle?

• Vi siete dimenticati si SGARRUN !! un falegname che con un pezzo di carbone disegnava in un lampo  

di tempo dei cerchi perfetti contro il muro e poi commentava …. PASSECE LU CUMPASSE MU’ !!!!

• lu ver’ guardiese almen na vota ha ditt ca’ li guai di la pignat li sa sol la cucchiar.

• a la Guardia si dicè na vot’, che la giuvinett jè come la viola, chiù sta na scost e chiù addore.

• Una volta, quando ci si sposava,a Guardiagrele le coppie invitate, sfilavano ben rivestite per il corso del paese sottobraccio, onorando gli sposi, con grandi sorrisi stampati sulle bocche. Questi si chimavano “li cucchi”

  

 

Trackback from your site.

2.391 views

Commenti (15)

  • mario miccoli
    27 ottobre 2011 alle 20:43 |

    ..e Nana’ e lu quatrar brbun??

  • gianfranco
    29 ottobre 2011 alle 07:19 |

    E chi non si ricorda del grande Usa ad aprire le strade alle varie bande con la sura radio sulle spalle?

  • 30 ottobre 2011 alle 12:57 |

    Vi siete dimenticati si SGARRUN !! un falegname che con un pezzo di carbone disegnava in un lampo
    di tempo dei cerchi perfetti contro il muro e poi commentava …. PASSECE LU CUMPASSE MU’ !!!!

  • bambina di crescenzo
    8 febbraio 2012 alle 12:55 |

    lu ver’ guardiese almen na vota ha ditt ca’ li guai di la pignat li sa sol la cucchiar.

  • bambina di crescenzo
    8 febbraio 2012 alle 12:59 |

    a la Guardia si dicè na vot’, che la giuvinett jè come la viola, chiù sta na scost e chiù addore.

  • bambina di crescenzo
    8 febbraio 2012 alle 13:09 |

    Una volta, quando ci si sposava,a Guardiagrele le coppie invitate, sfilavano ben rivestite per il corso del paese sottobraccio, onorando gli sposi, con grandi sorrisi stampati sulle bocche. Questi si chimavano “li cucchi”

  • bambina
    22 febbraio 2012 alle 12:07 |

    a la Guardiy’ na vote si dicè:
    culliù ye nu piducchia a ringrassat!

    Per dire che prima non aveva nulla, e adesso non apprezza nulla!

  • Bambina di crescenzo
    22 febbraio 2012 alle 12:29 |

    il vero guardiesa sa cosa sono:
    “lu tiratur”; “li fulminand”;”lu male di San Dunat”

  • bambina di crescenzo
    13 marzo 2012 alle 18:30 |

    chi lo sa, che una volta a Guardiagrele, chi aveva i debiti si faceva un giro alla “VOTA” (alla porta della fiera)a pantaloni scesi, e gli si cancella va tutti i debiti? Se qualcuno ne sa di più lo scriva per favore.

  • Adriano Giampietro
    14 marzo 2012 alle 18:34 |

    Mio nonno materno, Domenico Orlando, era lo Sgarrune. Non era falegname, ma Fagocchio. Costruiva capolavori di biche, carri e traini in quelle che una volta erano le nostre botteghe alla Farciola (largo Faricciola). Suo fratello, Don Antonio Orlando, era parroco di San Silvestro. Pronunciò il discorso ufficiale quando Mussolini visitò la tomba di Andrea Bafile a Bocca di Valle

  • Luciano Vitacolonna
    1 ottobre 2012 alle 23:50 |

    E Zuccarin che mettè le striscette arangion a la schidin? E la nev che facè aremanè na settemane senza luce? Ste cose nu vere guardjese se l’arecorde.

  • CARMELINA TARABORRELLI
    9 febbraio 2013 alle 00:42 |

    e le Crist che faciavam mezza a la neve a lu Piane?

  • peppino ferrari
    9 febbraio 2013 alle 01:05 |

    la vera pertita di tressette si svolse tra Pantalone e Giacchette contro Mutanne e Tre camisce naturalmente alla cantne di scarpa vecchie.
    Lu vere guardiane jè cullù che quande d0ha attacca’ lite se ne iesce nghe “che mi rappresenta”

  • Adriano Giampietro
    9 febbraio 2013 alle 12:02 |

    Lu Sgarrune che tracciava cerchi perfetti sui muri era il fratello di mia madre: Francesco Orlando (Ciccillo). Non era falegname, ma “fagocchio”. Costruiva,insieme con i fratelli, carri, traini e biche in quella che era al tempo la nostra bottega di famiglia, alla”Farciola”.

  • Andrea Patanella
    23 febbraio 2013 alle 05:15 |

    Il vero guardiane dice almeno una volta settimana” ah daje e daje pure la cipolle divente aglio” e non cita mai le fonti es: ahje intese addire in gir”..

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.