Guardiagrele piange FEDERICO GIOVANNELLI (lu cott’)

Scritto da Fabio Di Cocco il 12 marzo 2012. Inserito in News

Si è spento improvvisamente ieri, all’età di 58 anni, Federico Giovannelli, personaggio guardiese dal cuore e dall’animo d’altri tempi (oltre che juventino DOC!). Un malore lo ha strappato alla moglie Ivana e alle figlie Maria e Rossana lasciando un grande vuoto. Federico lavorava in Provincia e sabato sera si era ritrovato con tutti gli amici per festeggiare la sua cara Juventus. Nessuno poteva immaginare quanto stava per accadere. Il suo sorriso, le sue battute sagaci, il suo dialetto squsitamente guardiese, il suo intercalare “uè frà” , lo rendevano subito simpatico a quanti, il sabato e la domenica, si trovavano a passare davanti al negozio dove insieme con i suoi genitori solleticava l’appetito e l’olfatto con la sua famosa porchetta!!! Ci mancherà Federico, come già è successo con tanti personaggi che di questo nostro paese erano l’anima e l’essenza;  ma siamo sicuri che da lassù, insieme a tutti loro,  continuerà a stare vicino a quanti lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene.  I funerali saranno celebrati domani mattina, martedì, nella Chiesa di San Nicola di Bari alle ore 9.30. La redazione di AELION esprime le più sentite condoglianze alla famiglia. Ciao Federico…

Trackback from your site.

1.815 views

Commenti (9)

  • Fernando Garzarella
    12 marzo 2012 alle 17:35 |

    Federico rimarrà sempre nei nostri cuori. Un abbraccio alla sua famiglia. Rita e Fernando Garzarella.

  • Gino Primavera
    12 marzo 2012 alle 18:38 |

    Federico lascia un vuoto e l’amara consolazione che la sua opera resta scritta nella gastronomia guardiese: lui è l’ultimo “artigiano” della porchetta che cuoceva nel forno a legna, come ormai non fa più nessuno, che aromatizzava con le erbe che raccoglieva personalmente in montagna, che “costruiva” con precisione e utilizzando le tecniche della sua famiglia che aveva mantenuto inalterate e con la passione e l’orgoglio di aver “creato” qualcosa. L’odore della sua porchetta si spandeva lungo via Roma e resta nell’immaginario sensoriale guardiese. Sise delle monache, brasciole di cavallo e porchetta di Federico fanno parte della storia di Gguardiagrele.

  • Adamo Carulli
    12 marzo 2012 alle 21:31 |

    Caro Federico, è difficile scrivere quattro righe senza cadere nella retorica del buonismo dell’ultima ora. La tua scomparsa mi colpisce a fine serata, collegandomi casulamente su internet, come un pugno nello stomaco inaspettato. “Federì e mo come faceme… taveve prumesse che lu pustecelle pe la feste de Sande Rocche, a la Rocche, pe lu quindece e sedece d’Agoste! Mi sì sembre dette ca a la Rocche la famijià tè ciaveve sembre venute… pe lu Sande scì ma pure pè venne la purchette… la vera purchette guardijene… e chi se le pò scurdà che lu pustecelle all’ingresse de lu bivije, tra la Madonnucce e la sezzione de lu partite… e tu tra lu furgungine e la ggendè ghe lòu curtelle mane e lu cappellecce supre a la cocce a salutà Marie, Frangisce ceccucce, Rocche, Rolande e Pasquale dela Guardiè… uè, tutte i cunisceve e tutti quende cunuscevene a te… e mò Federì poche poche jarengherchè a lu Padre Eterne, jè le fè na purchette a si angilille de lu ciele?! Se dice, triste a chi aremane… ghè te jè proprie lu vere, ma jeì me te voje arecurdà accuscì mezza la vije ghe lu curtelle mane, lu zenale, lu cappellucce supre a la cocce tra la sezzione e la Madonnucce a chiamà l’amice, chille vicine e chille lundane!” CIAO FEDERICO!

  • Paolo Scioli
    12 marzo 2012 alle 23:30 |

    E’ difficile accettare questa triste realtà! E adesso? Come si fà senza il sorriso e l’ironia di Federico?
    E il giorno di San Donato? Senza la tradizionale porchetta de Cumbà Federic?? L’odore tipico di Via Roma che, per sempre non ci sarà più!
    Lo voglio ricordare così con quel sorriso sempre schietto e la battutina che cordialmente ti poneva ad ogni suo saluto!
    Un carissimo Amico, un carissimo collega, una grande persona! Mi manncherà tantissimo ma….. di sicuro dal cielo veglierà su di noi! Ciao Federico !!!!!!!

  • domenico carulli
    13 marzo 2012 alle 08:18 |

    è morto un grande caro federico la tua scomparsa lascia un vuoto in tutti noi

  • Luciano
    15 marzo 2012 alle 11:12 |

    Nei tanti anni in cui ho avuto l’opportunità di trovare Federico , nelle sedi Comunali presso le quali lavorava,si è messo sempre a disposizione con gentilezza ed energia aiutandomi a superare eventuali difficoltà amm.ve. Mi piace ricordarlo per l’umanità e la gioia di vivere.

  • Nadia
    15 marzo 2012 alle 13:53 |

    Federico, il vuoto che hai lasciato è incolmabile,per la famiglia, per il paese, per i tuoi colleghi e per gli innumerevoli amici. Tu sei stato e rimarrai la nostra forza. Sei stato speciale e non lo dico in qualità di sorella.Disponibile per tutti, sorridente ed ironico con tutti, umano, generoso, corretto, onesto. Aiutami dal cielo ora che sei un angelo a superare questo dolore, un dolore che ti svuota, un dolore che ti affligge, un dolore che solo chi lo prova riesce a capire. Fa che io sia come te perchè tu sei stato un esempio di vita per tutti. Ti amo.

  • Pietro
    15 marzo 2012 alle 23:19 |

    Caro Federico, ci siamo cercati per tanti anni senza avere la possibilità di riabbracciarci. Hai sempre chiesto di me, ed io ho sempre fatto la stessa per te con i nostri amici comuni. Ricordo con le lacrime agli occhi le belle e spensierate giornate, passate a scuola o nelle tante giornate di filone. Ti ricordero’ sempre con affetto fraterno,e prima o dopo ci riabbracceremo.

  • pasqualino panaccio
    5 dicembre 2015 alle 09:53 |

    Ho saputo solo ora della scomoarsa di Federico.Vivo a milano da parecchi lustri,ma Federico con la sua simpatia e la storia della porchetta,dove odori e profumi con assaggio della delizia,dava il tocco di colore alla stretta e ombrosa Via Roma.Ciao Fede..salutaci le stelle.Un amico.Lino

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.