Archive for giugno, 2012

Chi ha detto che l’ H è muta? – Raimondo Gallo

Scritto da Redazione il 28 giugno 2012. Inserito in News

Provate a leggerla!

            *******

Urla e impreca Meo Pat—H:

Ho la crisi che mi fi…H!

Ho l’Erario che mi br…H!

Ho lo Stato che m’int…H!

Sono al verde. Non ho un H!

Poi, con voce roca e str…H

lui borbotta: “Porca v…H,

son finito nella c…H!!!”


NON C’E’ POST(A)O – Paolo Damiano

Scritto da Paolo Damiano il 26 giugno 2012. Inserito in News

 

Al Sig. Sindaco di Guardiagrele

Pregevolissimo,

con la presente, ci corre doveroso segnalarLe una situazione  che, durante la settimana è, diciamo, “antipatica”, ma nel fine settimana diventa anche irritante. E parliamo dei mezzi del locale ufficio postale che per lo più parcheggiano durante la notte e fino all’entrata in servizio, tra L.go Faricciola, Porta San Giacomo e Via Paolo Urbino con gravi disagi per i residenti che, loro malgrado, sono costretti a subire, durante la settimana, l’”antipatico” comportamento di vedere parcheggiare, al posto dei mezzi postali, le auto dei portalettere e, nel fine settimana, di non poter effettuare, ad esempio, neppure un carico e scarico per mancanza di posti che potrebbero essere anche liberi, e, che invece, sono occupati sistematicamente dagli stessi mezzi postali, peraltro  lasciati ed esposti a qualsivoglia atto.

Non Le sfuggirà, che questa situazione, se da un lato potrebbe anche far ipotizzare, relativamente ai mezzi postali, un’omessa custodia di bene pubblico, dall’altro è viaria di continue e, diciamo noi, giuste rimostranze dei cittadini.

Pertanto, e a sanatoria della incresciosa situazione, crediamo utile chiedere alla S.V. di voler intervenire presso chi per le Poste Italiane, individuando un terreno comunale da dare in locazione alle P.I. ad uso autorimessa, considerato che in questo modo, le auto dei portalettere non occuperebbero, durante la giornata, posti utilizzabili dai cittadini e, nel fine settimana, i mezzi postali sarebbero anche custoditi.

Stesso ragionamento, potrebbe essere fatto anche con la Società ARPA, tanto che gli autisti raggiunta l’area locata ad autorimessa e parcheggiato il proprio mezzo si porterebbero, ad inizio turno, con il mezzo di servizio al capolinea.

Certi di aver fatto cosa gradita e confidando in un riscontro positivo, salutiamo

Con viva cordialità Il Segretario de La DESTRA Guardiagrele Paolo Damiano

  Guardiagrele, lì 26.06.2012

CONGELIAMO IL DEBITO VERSO LE BANCHE

Scritto da Paolo Damiano il 22 giugno 2012. Inserito in News

Vabbe’ facciamola corta: lo stato americano ha un deficit che è il 50% di quanto incassa, ovvero irrecuperabile.

Gli Stati Uniti sono FALLITI e per evitare lo sconquasso e rischi seri di guerra totale con la Cina et compagnia, causa consolidamento del debito da migliaia di miliardi di dollari nei loro confronti, si stanno mangiando l’Europa a suon di rating farlocchi.
Questa è la verità, ma se si smette di sussurrarla e si comincia a gridare salta per aria il coperchio di Pandora che comunque saltera’ per aria in ogni caso. Sembra tutto molto astratto.
Poi le botteghe chiudono a vista d’occhio.
Poi vediamo dignitosi pensionati e pensionate chiedere l’elemosina.
Siamo a pochi mesi dai cartoneros, ecco il punto.
E quella, intendiamoci, è la soluzione ottimistica, che vede semplicemente l’Italia ed alcuni altri paesi europei ridotti in rovina, senza guerre e soprattutto senza guerre atomiche.
Perche’ quando si raggiungono questi livelli di rischio a qualcuno, in qualsiasi momento possono saltare i nervi.                     Spieghiamo, allora, la posizione de La Destra sulle politiche economiche europee, rilanciando la proposta del nostro partito: la doppia circolazione monetaria interna. E’ una proposta seria, più della posizione di Berlusconi che a parole dice di voler uscire dall’euro, e poi vota a favore del governo. Capiamo che non gli hanno perdonato le tre cose che ha cercato di fare: i legami con la Libia, l’accordo con Putin sul gas e il sostegno a Finmeccanica, ma le dichiarazioni a sprazzo di Silvio Berlusconi su ventilate uscite dell’Italia dall’Euro sono troppo contraddittorie per essere prese per ciò che sembrano. Mr B. è anti Austerità ma pro licenziamenti facili, è anti tasse, ma pro tagli alla spesa pubblica, è pro Unione Monetaria et UE ma dice che se uscissimo dall’euro ne gioveremmo. E a chi parla di un eventuale crescita conseguente del debito pubblico, diciamo che l’Italia ha 1940 miliardi di debito. Di questi, però, mille sono verso banche straniere: congeliamoli, non paghiamoli e facciamoci rispettare, piuttosto di correre dalla Merkel avendo necessità di presentarsi con un sì delle forze politiche a una riforma del lavoro inaccettabile, come richiede Herr Monti. Servono misure serie a favore del popolo, il premier invece è piegato sui diktat tedeschi, ma l’Italia non deve diventare un’appendice della Germania. Craxi, in altri tempi, contro l’imperialismo americano mandò i carabinieri a Sigonella, a noi oggi manca una classe dirigente di un certo spessore.

Il Segretario de La DESTRA Guardiagrele Paolo Damiano

A lezione di piano! di Gianna Di Crescenzo

Scritto da Redazione il 21 giugno 2012. Inserito in News

Riceviamo e pubblichiamo:

Nella seduta del Consiglio comunale del 26 aprile 2012 il Sindaco, a proposito della variante al Piano Regolatore generale, dichiarava testualmente: “Noi stiamo andando avanti, come già ha sottolineato l’assessore Primavera,incontrando i cittadini e non come è stato fatto prima, senza incontrare i cittadinim e li ha incontrati più che altro l’architetto Falasca”. A questo si aggiunge, tra l’altro, il diretto riscontro di una non meglio identificata riunione, ad esempio, il 12 giugno scorso. Ora il Sindaco Salvi che, secondo il lodo-Berlusconi, dopo l’abbandono della Lega , è ABUSIVO, dovrebbe spiegare quali siano le norme che legittimano un metodo che potrebbe addirittura inficiare tutta la procedura di approvazione dello strumento urbanistico. Compito del progettista, dopo la presentazione delle osservazioni ,è esclusivamente quello della valutazione analitica delle stesse, valutazione accompagnata da quelle dell’Ufficio Urbanistico, all’interno di pratiche istruite per essere sottoposte solo all’esame della commissione assetto del territorio e del Consiglio Comunale. Oltretutto, se sono state presentate 272 osservazioni, sono stati ascoltati tutti i presentatori? Lo stesso è stato fatto per i P.R.U. di Comino e Caporosso? Amministrare significa coniugare gli interessi collettivi con quelli individuali, all’interno di un quadro di regole certe, regole che contemplano anche un  rigido rispetto delle fasi e dei tempi. Gli illuminati consulenti del centrodestra, tanto creativi durante la campagna elettorale, hanno spiegato al Sindaco che le norme del diritto urbanistico si applicano, non si interpretano? Visto che all’orizzonte si profila un bel pasticcio e le idee non sembrano molto chiare, soprattutto dopo il fallito tentativo di nascondersi dietro un commissario ad acta, liberandosi da ogni responsabilità politica, quale lezione ci darà stavolta Sandro Salvi e, insieme a lui, la sua maggioranza?

Gianna Di Crescenzo, capogruppo “Guardiagrele il bene in comune”

…ballando sotto le stelle

Scritto da Redazione il 21 giugno 2012. Inserito in EVENTI, News

Esibizioni di Balli di Gruppo dei ragazzi “Under 15″ della “A.S.D.  TERESA DANCE” di Guardiagrele:

• sabato  23 giugno 2012 – ore 21 – Guardiagrele – C.da Melone

• domenica 1° luglio 2012  - ore 21 - Guardiagrele - Bocca di Valle

• sabato 14 luglio 2012  - ore 21 - Chieti Scalo  - zona stadio

Spettacolo Finale della Scuola del Teatro del Giardino

Scritto da Fabio Di Cocco il 21 giugno 2012. Inserito in Cultura, EVENTI, News

L’ingresso, naturalmente, è gratuito. Ci rivediamo a setembre per i nuovi corsi. Per iscriversi alla lezione di prova gratuita 800.86.48.75 (solo da telefono fisso, non funziona con chiamate dal cellulare)

“Majella si mangia” – comunicato

Scritto da Redazione il 20 giugno 2012. Inserito in News

Il  CAI sez di Guardiagrele e il ristorante Santa Chiara, organizzatori della manifestazione “Majella si mangia la foglia” ringraziano tutti i partecipanti e i produttori che hanno contribuito alla riuscita dell’evento: La cantina Santoleri, l’azienda agricola Mario Verna e l’Apicoltura Bianco.
Gli organizzatori destineranno la somma di € 380,00, ricavata dalla manifestazione, agli aiuti per i terremotati.

A Piana delle Mele “La festa del Sole”

Scritto da Fabio Di Cocco il 19 giugno 2012. Inserito in News

L’evento ci sarà la notte del 23 giugno, in attesa del giorno di San Giovanni, per festeggiare l’arrivo dell’estate e per far conoscere al pubblico la nuova iniziativa di promozione del nostro territorio nata dalla collaborazione tra Ente Mostra dell’Artigianato Artistico Abruzzese, Parco Naturale Maiella e Teatro del Giardino. E dove, se non a  Guardiagrele o meglio ad AELION (la città del sole) si poteva dare vita ad un evento del genere?  In realtà la serata, che partirà all’imbrunire, sarà estremamente sobria e rispettosa della quiete del bosco, sarà un momento per far conoscere, a chi vorrà parteciparvi, il fascino e la magia della nostra Maiella ed in particolare di Piana delle Mele. Non una sagra mangereccia piena di bancarelle e di confusione, ma una occasione per ritrovarsi e godersi l’emozione di una serata diversa dal solito, magari organizzandosi per un bel picnic sotto le stelle. Chi verrà a farci visita potrà partecipare gratuitamente ad una emozionante passeggiata in notturna lungo i sentieri del bosco, accompagnati dalle guide esperte del Parco Avventura Majella, potrà assistere allo spettacolo teatrale “Sogno d’Estate” (tratto dall’opera Shakespeariana) realizzato dagli attori e dagli allievi delle Scuole del gruppo dei Teatri Montani, potrà rilassarsi con i laboratori di pittura creativa sui sassi o, per i più piccini, con i laboratori per la costruzione di piccoli acchiappasogni realizzati con materiale di recupero. Naturalmente si potranno degustare alcune specialità del luogo nei pressi della Baita del Poeta, oppure assaporare i Vini della Cantina Santoleri di Guardiagrele che, nel corso della serata, sarà presente con un punto informativo. Non mancherà l’incontro con l’artigianato, garantito dall’Ente Mostra Artigianato Artisico Abruzzese che sarà presente con uno stand promozionale all’interno del quale sarà possibile scoprire come usufruire per tutta l’estate di agevolazioni e ingressi gratuiti in tutti i musei del territorio e tutte le novità sulla Mostra che aprirà i battenti il primo agosto prossimo.

Storielle pretoresi – Felice Marcantonio

Scritto da Redazione il 16 giugno 2012. Inserito in Costume e Società

Savérij’ rusc’chin’

Il soprannome ” rusc’chin’” gli derivava dal padre , zì Ndonij’, che da ragazzo faceva il pastorello apprendista a servizio di un pastore vero, zì Ménch’ catén’, analfabeta. Era solito portare al pascolo le tasche piene di fave secche, o ceci abbrustoliti, o semi di zucca. Per tutta la giornata seguitava a rosicchiare questi semi per cui si beccò facilmente dal pastore anziano l’epiteto di ” rusc’chin’ “ appunto, uno che rosicchia di continuo. Suo figlio, Savérij’, diventò per derivazione paterna,  Savérij’ rusc’chin’. Di mestiere Saverio faceva il camposantaro, il becchino insomma, ed era tanta la dimestichezza che aveva col camposanto che d’estate spesso dormiva in qualcuna delle fosse da lui scavate per la tumulazione dei defunti. Non mostrava nessun timore né ripulsa; per lui era diventata la cosa più naturale del mondo…Ma una volta però era particolarmente agitato e decise di tornarsene a casa. Era quasi mezzanotte; si posò la giacca sulle spalle e s’avviò verso il cancello. Mentre stava uscendo un filo di ferro chissà come si impigliò nella giacca e la tratteneva. Savério, questa volta sì spaventato, alzò le mani e senza girarsi disse: land’m’ ca nd’ so fatt’ niènt’ (lasciami che non ti ho fatto nulla), con una strattonata si liberò e schizzò via come una lepre fino a casa.

Felice Marcantonio