Il sindaco Sandro Salvi replica alla minoranza sulla centrale a biomasse.

Scritto da Redazione il 9 giugno 2012. Inserito in News

Il sindaco Sandro Salvi replica alla minoranza sulla centrale a biomasse. Il primo cittadino fa anche una ricognizione su iniziative, provvedimenti e progetti  che hanno caratterizzato in modo fallimentare le passate amministrazioni di centrosinistra.

Ecco quanto dichiara:
Gli argomenti dell’opposizione sono come bolle di sapone dei bambini, inutili e inconsistenti. Gli argomenti portati a sostegno della tesi della incapacità dell’amministrazione ad operare hanno le gambe corte ed il naso lungo, e riguardano problematiche ereditate dalle precedenti Amministrazioni.

 “Bisogna avere la faccia tosta per parlare di opere come il micronido di via Anello, struttura che dal 2006 non è mai stata completata, fatta con i soldi dei cittadini e vincolata per altri 14 anni a quell’utilizzo. Struttura che si è rivelata da subito superflua ed inutile, vista la riduzione delle iscrizioni all’asilo nido, e buona solo a soddisfare il desiderio di qualcuno di tagliare un nastro.

 “Il cinema-teatro Garden ha funzionato fino ad oggi per la buona volontà del gestore, e nonostante la crisi del settore. Al nostro insediamento abbiamo trovato una struttura priva dei necessari permessi e con prescrizioni che faticosamente stiamo regolarizzando, per colpa della leggerezza con cui le precedenti Amministrazioni hanno agito. …(continua)

 “Voglio ricordare che sulla struttura di via Orientale (l’ex mercato coperto), nel 2010 la passata amministrazione aveva già esperito una gara per attività recettive, andata però deserta. Per questo, grazie anche alla opportunità dei FAS, vogliamo recuperarla ad uso culturale e non abbandonarla.

“Se l’opposizione vuole altre notizie, posso aggiungere anche Pater Montium, sulla cui gestione precedente ci sono luci ed ombre, dove il Comune non ha mai visto un euro di canone, dove ci sono state cessioni tra società avallate dalla passata giunta ma senza un ritorno né economico e né di immagine per il Comune; e non dimentichiamo il Maya… E se vogliono possiamo continuare, anzi faremo un dossier su come si e’ speso allegramente in precedenza.

“Poi, dove era necessario intervenire per manutenzione, è il caso della piscina, non si è speso un soldo in tanti anni, e al nostro insediamento abbiamo trovato un progetto di adeguamento che andava a realizzare impianti a solare termico per abbattere i costi di riscaldamento, a tutto vantaggio del gestore, ma trascurando per giunta alcuni interventi di manutenzione straordinaria che sarebbero stati più opportuni e necessari.

“Non torno sulle biomasse, dove la posizione dell’Amministrazione è stata chiara fin dall’inizio, per la salvaguardia della salute pubblica, dell’ambiente ed un ritorno per l’intera cittadinanza. Posizione assunta e mantenuta senza pregiudizi.

“Piuttosto, questa opposizione dovrebbe spiegare la sua posizione nei confronti delle centrali a biomasse, visto che il Governo Monti, da loro sostenuto bendandosi entrambi gli occhi e tappandosi il naso,  nel pacchetto denominato “Cresci Italia” ha inserito alcune misure di incentivazione dell’energia da biomasse con l’intento di dare nuovo impulso alle attività imprenditoriali. Inoltre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha lanciato il bando per la promozione di nuove filiere produttive nel settore delle biomasse.

“Ma non solo su questo dovrebbe chiarire la propria posizione  questa opposizione. Anche sulla Sanità dovrebbe dirci cosa vuol fare, visto che il Ministro della Salute, voce del Governo, per ridurre la spesa  pensa alla chiusura/riconversione obbligatoria dei piccoli ospedali entro il 31 ottobre 2013, magari utilizzando la metodologia impiegata per i piani di rientro, facendo esplicito riferimento al caso Abruzzo e a Guardiagrele. Noi abbiamo preso posizione contro il Programma operativo Chiodi-Baraldi da subito, con una condotta chiara e lungimirante, cosa che certamente loro non hanno fatto quando il governo regionale Del Turco tagliò drasticamente i Reparti del nostro Ospedale in nome del Piano di rientro.

“Oggi con i tagli del Governo ” tecnico”, super-appoggiato dal PD, il Comune di Guardiagrele ha avuto la riduzione dei trasferimenti per circa 800.000 €, il Comune inoltre soffre di un indebitamento per mutui fatti in precedenza che ingessa il bilancio.

“Infine ricordo a tutti che l’IMU  doveva essere un’imposta UNICA che raggruppava molte altre tasse, mentre il Signor MONTI  lo ha gravato solo sulle abitazioni e terreni edificabili, aumentando la pressione fiscale sui cittadini, ma senza ritorni per il Comune; anzi, il Comune con l’IMU perde oltre 300.000 €, perché una buona fetta va nelle casse del Governo.


“Dico a chi parla senza senso che questa Amministrazione sta lavorando al  fianco dei dipendenti comunali in un momento di grande difficoltà, con impegno ed attenzione. Era bello amministrare quando le casse erano piene e si spendeva come si voleva senza guardare al futuro; anche per opere inutili, senza curarsi di far rientrare nelle casse comunali gli affitti degli immobili quando il Comune faceva acquisti immobiliari. Insomma, in un momento dove i soldi venivano usati per tutto, anche per ciò che non serviva.

Trackback from your site.

83 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.