BASTA STRISCIE BLU – Paolo Damiano

Scritto da Paolo Damiano il 2 ottobre 2012. Inserito in News

 

La nevrosi da parchimetro sta contagiando anche Guardiagrele che inizia a mostrare una certa insofferenza contro quel blu sull’asfalto, cromaticamente invitante e piacevole, ma odiato e detestato perché simbolo di decisione imposta dall’alto che va a toccare la sfera quotidiana delle persone. E se sembra di essere diventati la città dei Puffi forse l’Amministrazione dovrebbe cominciare a rispettare i cittadini e le leggi e smetterla di considerare gli automobilisti i contribuenti più fessi. Infatti:

VIOLAZIONE dell’art. 157 comma 6 codice della strada
È assolutamente illegittima la sanzione quando il biglietto è scaduto, perché l’art. 157 comma 6 obbliga il conducente a segnalare l’INIZIO della sosta. …(continua)

VIOLAZIONE della sentenza n. 16237 27 marzo 2006
La carreggiata è per definizione il tratto di spazio che intercorre tra marciapiede (o banchina) da un punto all’altro. Ovvero l’area adibita alla circolazione dei veicoli gommati e non previsti dal codice della strada. (D.leg.vo 30/04/1992 n. 285 Art. 7 comma 6 del Codice della Strada) Le zone destinate al parcheggio a pagamento devono essere obbligatoriamente ubicate al di fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico e lascino un passaggio fondamentale, quindi le multe inflitte sulle strisce blu poste in violazione sono illegittime.

Inoltre va ampiamente ricordato che non possono essere ubicati parcheggi a pagamento (ma nemmeno gratuiti) in prossimità di incroci, di curve, sulle piazze e sui marciapiedi.

VIOLAZIONE della sentenza n. 116 del 2007 della Corte di Cassazione
I comuni devono riservare un’adeguata area destinata al parcheggio GRATUITO  nelle immediate vicinanze delle strisce blu.

… E se il parchimetro con l’umidità va in tilt? Se è rotto? Se non hai spiccioli? (… e se non c’è un convertitore da biglietto a moneta, perché per cambiarlo, ma solo se è un piccolo taglio altrimenti …, devi essere “costretto” a prenderti almeno un caffè raddoppiando, di fatto, il costo del parcheggio? E se … ? SONO CAVOLI TUOI! Ma se questo non bastasse manca il più logico ed elementare punto. Io sono tenuto a pagarti un servizio se tu mi offri un servizio, questa è una legge molto semplice che non troverete sul codice della strada nemmeno su quello penale e civile. In effetti il servizio strisce blu non ti offre alcun servizio quali posto riservato, quali custodia dell’auto e degli oggetti nell’abitacolo e niente di niente. E allora PERCHE’ PAGARE? Il Comune (pensa) fa cassa?   E l’economia della comunità ne giova o ne soffre? … sommiamo tutti i corrispettivi delle attività del Centro Storico e, togliamoci pure un 20% per la crisi, confrontiamolo con la somma dei corrispettivi dello scorso anno nello stesso periodo e vediamo che cosa viene fuori .

Le strisce blu sono una tassa imposta sul suolo pubblico che non ha nessun motivo d’essere se non quello di finanziare un’amministrazione comunale fallimentare.

Il Segretario de La DESTRA Guardiagrele Paolo Damiano

Trackback from your site.

105 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.