Comunicato stampa

Scritto da Redazione il 14 novembre 2012. Inserito in EVENTI

La “Carta dei servizi” della Sasi, l’ente erogatore dell’acqua a Guardiagrele, recita: “…è garantito l’impegno ad erogare un servizio un servizio continuo, regolare e senza interruzione. La mancanza del servizio potrà essere imputabile solo ai guasti, alle manutenzioni o a cause di forza maggiore”.

A Guardiagrele  la carenza idrica e il razionamento dell’acqua dura ormai dal mese di maggio, e nulla è stato fatto finora per questa grave situazione di disagio che perdura e che provoca danni  alle persone e alle attività del nostro comune.

Giovedì 15 novembre, presso l’auditorium, è indetta una riunione aperta a tutti i cittadini guardiesi con lo scopo di costituire un Comitato pro- acqua perché con il grave razionamento in atto vengono lesi i diritti essenziali del cittadino che paga bollette ad un Ente che non fornisce un servizio adeguato e che è incoerente con la sua stessa “Carta dei servizi”.

Adesso basta! Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare per decidere democraticamente e in prima persona tutte le forme possibili di opposizione a questa situazione di gravi carenze, considerato anche il ruolo di Guardiagrele sede del Parco nazionale della Majella , importante centro pedemontano punto di riferimento turistico per le sue attività, la sua storia e le sue tradizioni.

Gino Primavera

Trackback from your site.

38 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.