Lo stress: un nemico della dieta

Scritto da Dott.ssa Pamela Colasante il 11 aprile 2013. Inserito in News

Alcuni studi scientifici ci indicano che i cambiamenti nel comportamento alimentare degli ultimi anni sono il risultato di una vita frenetica e stressante.
Come fa lo stress a condizionare la nostra alimentazione? L’atto di alimentarsi risponde ad un bisogno primario necessario per la sopravvivenza ma ha anche un profondo significato affettivo. Il cibo molto spesso diventa un sistema di gratificazione: cerchiamo rifugio nel cibo per avere sollievo dallo stress. Tutti gli impegni, le responsabilità e le difficoltà quotidiane possono indurci da una parte a cercare gratificazione nel cibo, soprattutto in quello ricco di grassi e zuccheri, e dall’altra, avendo a disposizione poco tempo da dedicare alla preparazione dei cibi, ad avere un alimentazione monotona e non equilibrata.
Lo stress cronico determina nel nostro organismo una produzione eccessiva di cortisolo, ormone che induce un continuo aumento di zuccheri nel sangue. L’eccesso di cortisolo tende a produrre un aumento della resistenza all’insulina, altro ormone importante per il controllo del senso di fame. Questa situazione a lungo andare può determinare un aumento di peso e un maggiore accumulo di grasso, soprattutto a livello addominale.
Per poter affrontare al meglio il problema del sovrappeso, dobbiamo analizzarne innanzitutto le cause e poi correggere gli errori per migliorare la qualità di vita.

Trackback from your site.

66 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.