I legumi, la “carne dei poveri”

Scritto da Dott.ssa Pamela Colasante il 25 settembre 2013. Inserito in News

Un tempo considerati la “carne dei poveri”, i legumi avevano svolgevano un ruolo di primaria importanza sulle tavole degli italiani, hanno poi progressivamente perso il loro ruolo a partire dal dopoguerra quando la ripresa economica ha portato ad un maggiore consumo di proteine di origine animale e ad uno stile di vita frenetico che non si conciliava con i tempi di cottura dei legumi. Negli ultimi anni sembra che ci sia stata un inversione di tendenza: i legumi stanno tornando ad essere protagonisti sulle nostre tavole poiché hanno buone proprietà nutritive e costi contenuti. I legumi, infatti, costituiscono un’importante fonte di proteine a medio valore biologico oltre che una buona fonte energetica grazie al contenuto di amido. La quota di fibre presente nei legumi, inoltre, contribuisce al miglioramento del funzionamento intestinale e la presenza di vitamine del gruppo B, ferro, calcio e potassio, tra le più alte rispetto agli altri vegetali, garantisce l’introito di questi nutrienti fondamentali. Oltre alla tutela della salute umana, la scelta di consumare la “carne dei poveri” come cibo proteico aiuta anche a salvaguardare l’ambiente.

Trackback from your site.

94 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.