La volpe di Rocco – Felice Marcantonio

Scritto da Redazione il 7 novembre 2013. Inserito in Costume e Società

Rocco non c’è più dal 1996. Era mio fratello, dinamico, attivo, stimato da tutti, un pioniere a Pretoro per tante attività innovative che lo interessavano. Lo Scoiattolo, l’albergo, è praticamente una sua creatura. Casì pure lo Sci Club per la sua passione per lo sci che aveva e che trasmetteva ai ragazzi con ostinata tenacia. A cucinare nel ristorante dell’albergo, lo aiutava Camilla, a féij d’ curpètt’, bravissima in tante cose, specie quando faceva ” l’ p’tt’lòzz’” che tanto piacevano anche a me. Brodose, con tanto pecorino sopra. In menu erano presentate come:le sbrodolozze, per gli inevidabili schizzi che finivano sui vestiti.
Un giorno, mentre Rocco in macchina, una vecchia 124, con Camilla a bordo, saliva da Pretoro verso l’albergo, una volpe gli tagliò la strada fuggendo nel prato. Senza pensarci due volte, Rocco accelerò seguendola, la uccisa, ma la macchina si ribaltò accartocciandosi ben bene.Mio fratello e Camilla ne uscirono indenni. Quando Camilla si riprese dallo spavento disse: a Rò, ch’ t’ sì mbazzóit’ ? E Rocco, calmo, indicando la volpe: ella a vó…ella a vó…!

Trackback from your site.

39 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.