Settembre e lo “stress da rientro”

Scritto da Dott.ssa Pamela Colasante il 2 settembre 2014. Inserito in News

È arrivato anche settembre e la maggioranza degli italiani deve fare i conti con la fine delle ferie e il ritorno alla routine quotidiana: problemi a lavoro, impegni familiari,telefono che squilla continuamente. Molto spesso il rientro dalle ferie viene vissuto con ansia e preoccupazione. Capita frequentemente di essere colpiti dal cosiddetto “stress da rientro” che si manifesta attraverso sintomi quali astenia, insonnia, sbalzi di umore e mal di testa. Vediamo cosa si può fare per rendere meno traumatico il rientro a casa e a lavoro. Innanzitutto è fondamentale riprendere tutte le consuete attività con gradualità: porsi piccoli obiettivi, non farsi prendere la mano dalla mole di lavoro. E’ importante poi curare l’alimentazione che deve essere il più possibile corretta e bilanciata mentre è fortemente sconsigliato combattere il basso tono di umore con l’assunzione di alcolici o con il fumo. Cibi come la frutta e la verdura possono agevolare il ritorno ai ritmi frenetici della vita quotidiana in quanto aumentano la produzione di serotonina, neuromodulatore del benessere. Ci sono anche cibi che hanno proprietà rilassanti come ad esempio l’uva rossa che, grazie al suo contenuto di melatonina, aiuta a regolare i ritmi circadiani. Molti di noi rimpiangono anche l’aria aperta che caratterizza i giorni di vacanza, il sole, le nuotate, le passeggiate, l’attività fisica: è indispensabile non “seppellirsi” in casa o in ufficio per i prossimi mesi ma ritagliarsi un po’ di tempo per fare sport magari concedendosi una semplice ma benefica passeggiata… maltempo permettendo.

Trackback from your site.

39 views

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.